.

Sexto Meets Capitol – Algiers

algiers-capitol-pordenone

CAPITOL PORDENONE
UNICA DATA NORD EST

SABATO 18 FEBBRAIO 2023 – ore 21.00
Ingresso €. 15,00 + dp
Biglietti in prevendita su DICE.FM

//WEB //SPOTIFY

π™‚π™‘π™ž π˜Όπ™‡π™‚π™„π™€π™π™Ž, 𝙗𝙖𝙣𝙙 π™₯𝙀𝙨𝙩-π™₯π™ͺ𝙣𝙠 π™žπ™£π™œπ™‘π™šπ™¨π™š-π™–π™’π™šπ™§π™žπ™˜π™–π™£π™– π™™π™ž π˜Όπ™©π™‘π™–π™£π™©π™–, 𝙖 π™›π™šπ™—π™—π™§π™–π™žπ™€ 𝙖𝙑 π˜Ύπ™–π™₯π™žπ™©π™€π™‘ π™žπ™£ π™ͺ𝙣𝙖 π™™π™šπ™‘π™‘π™š 𝙙π™ͺπ™š π™šπ™¨π™˜π™‘π™ͺπ™¨π™žπ™«π™š π™™π™–π™©π™š π™žπ™©π™–π™‘π™žπ™–π™£π™š π™™π™šπ™‘ 𝙩𝙀π™ͺ𝙧. Gli Algiers sono un trio di rock sperimentale americano formato da Franklin James Fisher, Ryan Mahan e Lee Tesche. I tre s’incontrano ad Atlanta, Georgia, e nel 2007 uniscono passioni politiche e inclinazioni musicali: il gospel per il cantante, il post punk per i due musicisti. Diffondono musica e idee militanti tramite Tumblr.

Dopo alcuni singoli e video, nel gennaio 2014 vengono messi sotto contratto dall’etichetta Matador e registrano a Londra l’album di debutto Algiers, pubblicato nel 2015. A due anni di distanza la band pubblica The Underside pf Power, prodotto da Adrian Utley dei Portishead insieme ad Ali Chant. Nel 2020 esce il loro terzo disco There Is No Year . Il nuovo brano, Bite Back, Γ© stato appena pubblicato. Il singolo vede il frontman e voce degli Algiers, Franklin James Fisher, avvicendarsi con due innovatori dell’hip hop contemporaneo: il rapper e produttore Backxwash, alias Ashanti Mutinta e billy woods, rapper di New York e fondatore dell’etichetta Backwood Studioz” I loro testi parlano di razzismo, politica, manipolazione del consenso: tutti temi attualissimi, in America e nel resto del mondo. Gli Algiers sono la risposta musicale a questi tempi bui. Una band che non si limita a scuotere i pugni in aria ma prende attivamente una posizione.

Sempre molto informati sull’attualitΓ  β€œlocale” ma con sedi distribuite in varie parti del mondo – Atlanta, Londra e New York – gli Algiers rifiutano di accomodarsi a sedere per aspettare la rivoluzione, cosa che criticano spesso di molti artisti contemporanei. Infatti, nel loro ultimo disco emerge molto chiaramente un vero e proprio β€œsenso del dovere” a livello internazionale, rintracciabile anche nel disco precedente.