sexto_lounge

SEXTO LOUNGE

Un salottino a cielo aperto.
Dj set tutti al femminile nel pre e post concerti di Sexto 2021.
Un luogo per entrare nel mood festival, dove ascoltare musica, parlare, incontrare persone (vecchie e nuove), bere e mangiare qualcosa.

-dalle ore 19:00: apertura chioschi cibo e bevande
-dalle ore 19:00 alle 21:00: DJ SET d’ascolto
-dalle ore 19:00: apertura mostra Sexto Art Lovers
-dalle ore 23:00 alle 24:00: DJ SET d’ascolto
-area ristoro con cibo e bevande
-ingresso libero

I set musicali saranno d'ascolto e saranno garantiti i distanziamenti nei posti a sedere

In collaborazione con Kristalia



dj

Sexto 'Nplugged 2021 vi apre le porte con il Dj set di Eva Poles (Prozac+ | Rezophonic) , splendida madrina del progetto artistico Sexto Art Lovers.
Ci avvolgerà in sonorità che spaziano dalla bubble gum music anni '50, all'electro rock contemporaneo, attraversando i diversi generi musicali e seguendo il file rouge della musica alternativa: soul, beat, rocksteady, new wave , garage, punk, darkwave, goth rock, pop punk, pure pop, indie, alternative/noise rock, electro punk, dance hall, indie reggae, electro rock...

dj

Sexto 'Nplugged 2021 vi accoglie per la seconda serata con il Dj set di Dianda Distress, una valchiria della musica che ci traghetterà nel suo Valhalla.
"Adoro perdermi tra luci e (soprattutto) ombre delle sonorità romantiche ed elettroniche anni ottanta ma sono sempre alla ricerca di nuove proposte musicali che abbiano quel richiamo inconfondibile.
Come se stessi cercando un filo conduttore tra passato e presente per poi ritrovarsi persuasi da quella sensazione a metà strada tra nostalgia e speranza."

dj

La terza serata di Sexto Luonge accoglie una organizzatrice di suoni che è anche parte del duo sperimentale L'Impero della Luce.
A Sexto ’Nplugged proporrà una selezione musicale dedicata alle infinite sfumature della musica elettronica: dalla primavera del sintetizzatore al suono contemporaneo passando attraverso la musica cosmica e la library music, Merrich vi trascinerà in un viaggio eclettico nello spazio-tempo con un’attenzione speciale rivolta alle protagoniste del suono nuovo.
Johann Merrich è autrice di “Breve Storia della Musica Elettronica e delle sue Protagoniste” (Arcana Edizioni, Roma 2019) e “Le Pioniere della Musica Elettronica” (Auditorium Edizioni, Milano 2012).

dj

Chiude la quarta e ultima serata di Sexto Lounge un'altra electronic girl.
I set di LECRI spaziano dalla musica sperimentale all'elettronica.
Diverse sono le collaborazioni con progetti artistico-culturali nella condivisione dei diversi linguaggi della sperimentazione (Live Arts Cultures, Electro Camp, Trentacento).
Dopo avere fondato la Netlabel Electronicgirls insieme ad un gruppo di musiciste nel 2010, l'attenzione e la ricerca musicale si sposta verso sonorità elettroniche e minimali. L’Elettronica, la House più ricercata e la Disco di vecchio e nuovo stile.



SEXTO ART LOVERS

Un format che unisce musica e arte visiva, madrina d’eccezione del progetto Eva Poles (Prozac+ / Rezophonic)
Nella barchessa e in Piazzetta Burovich ospiteremo le loro opere durante il festival.


Orario Mostra: 19:00 - 24.00

enrico enrico enrico enrico enrico enrico

RYTS MONET
/Enrico De Napoli/

Sono un artista visivo italiano, vivo a Vienna e utilizzo diversi media.
Il mio lavoro esplora attriti geopolitici e culturali, scontri, rovine, monumenti e i simboli del potere in rapporto con il presente e con la memoria collettiva. Ogni mio progetto mira a innescare un dialogo o una riflessione tra me e lo spettatore, e il mondo che ci circonda.
Sono interessato alla storia contemporanea e alla fine del XX secolo, in particolare ai temi che riguardano l'espansione e la decadenza della cultura occidentale nel mondo.

// FACEBOOK

elisa elisa elisa elisa elisa elisa

UPATA
/Elisa Turrin/

Nel 1996 un animale selvatico sbuca dai boschi intorno a Pordenone.
Cresce tra gli uomini che la credono una loro simile, ignari della sua vera natura, e per meglio confondersi prende un nome umano, Elisa Turrin.
Ha il compito di disegnare il suo vero popolo che ha lasciato nella foresta e, per questo, si iscrive all' Accademia di Belle Arti di Bologna. La natura però la richiama a sé e una volta uscita dall'accademia, si rifugia nel verde attorno ad Urbino per continuare a studiare illustrazione all' ISIA U.
Collabora dal 2015 con la rivista satirica "Mataran".
Nel 2021 ha pubblicato una storia come autrice esordiente per l'antologia a fumetti "Materia Degenere 2" edita da Diabolo Edizioni.
Lavora segretamente al seguito del proprio fumetto autoprodotto "Untamed".

// BEHANCE

francesca francesca francesca francesca francesca francesca

FRANCESCA OBERHAUSER
/Francesca Di Sopra/

Francesca è una fotografa e artista visiva.
Il suo lavoro vuole esplorare i cliché sociali, il modo in cui ci connettiamo con gli altri, con il nostro passato, con noi stessi e l’ambiente che ci circonda. Nella realizzazione si avvale anche di materiali d’archivio in un’ottica di contaminazione, ricerca e risignificazione.
Nel marzo del 2020 stampa il suo primo libro d'artista "UNO SCOMODO, INOPPORTUNO, INVADENTE COMPAGNO DI VIAGGIO / Mrs J. PARKINSON. AUGURI PAOLO!!"
*Menzione speciale 2021 per il libro d'artista autoprodotto in Italia - Premio Marco Bastianelli -
Racconta la storia di una scalata, di un percorso, di un movimento incoordinato tra muscoli volontari e discinesie. È la storia di Paolo, padre dell’autrice, colpito a soli 48 anni da una malattia neurodegenerativa, il Parkinson. La malattia non gli permetterà più di fotografare, di scalare, di raggiungere le sue montagne. Egli sostituirà questa attività redigendo diari e tabelle su cui annoterà ogni sintomo, ogni tremore, ogni cambiamento. È la storia di un uomo che cammina e scruta, analizza e verifica, cade e si rialza, ma le sue gambe non lo portano più dove vorrebbe andare.
L’autrice Francesca Di Sopra restituisce con questo libro gli ultimi 29 anni trascorsi al fianco del padre.
Nel 2021 il suo fotolibro “BRUSSA/LAND” assieme a Maria Chiara Caccia, un percorso fotografico che indaga uno spazio di libertà, un modo di essere.
Ha partecipato a varie collettive ed esposto il suo lavoro fotografico “HOLD ME” alla The Door art Gallery di Bologna.

// FACEBOOK